Pagine

Loading...

venerdì 30 gennaio 2015

MESSAGGI DI LUCE IN UN'EPOCA DI BUIO : LA SOLUZIONE DEFINITIVA PER SCONFIGGERE IL BUIO UNA VOLTA PER TUTTE


Il nostro è un mondo colmo di tenerezza e magia, dal sonno dei neonati, al gioco dei bambini, dagli innamorati che si sorridono alle amicizie che durano per sempre, dai fiori che sbocciano alle meraviglie del mondo animale, dalla nostra capacità di perdonare alla gentilezza di uno sconosciuto. L'Amore si esprime su questa Terra in un'infinità di forme.

Eppure dobbiamo riconoscere che c'è dell'altro. E cos'è questo altro?

Perchè in un mondo in cui possiamo commuoverci fino alle lacrime abbiamo anche molestie, stupri, violenze, innocenti sgozzati, persone incarcerate ingiustamente, bambini che muoiono si fame, torture, genocidi, guerre, schiavitù e molte altre orribili forme di inutile sofferenza?

Quale forza si annida nella nostra mente e nel nostro mondo, sempre pronta a venire fuori per causare dolore e distruzione?

Se Dio è amore, perchè esiste il male?




Viviamo in una continua contrapposizione tra la gioia che potremmo sperimentare e i dolori che fin troppo spesso costituiscono il nostro pane quotidiano.

Siamo consapevoli che nel Mondo il bene non manca, però non possiamo ignorare che c'è anche dell'altro.

Inoltre viviamo in un'epoca in cui la competizione tra queste due forze sembra farsi ancora più aspra.

Qualsiasi motivazione induca gli esseri umani a odiare , distruggere e uccidere ha assunto un'inaudita forza collettiva giacchè oggi con un unico gesto di follia distruttiva si può colpire un'intera popolazione. Di conseguenza è diventato un imperativo assoluto smantellare tale forza, perchè non ha nessun rispetto dell'amore e fa incombere su di noi la minaccia della distruzione universale.

Non è soltanto una forza che cerca di disturbarci, vuole vederci tutti morti.

Eppure in realtà tale forza è un'antiforza; è una dimensione in cui abbiamo dimenticato chi siamo, quindi agiamo come se fossimo qualcun'altro.

E' un'oscurità che, in quanto tale, non è una presenza, ma piuttosto un'assenza di luce. E' un buco nero nella nostra psiche che si manifesta laddove perdiamo di vista , anche per un solo istante la luce. E la sola vera luce è l'amore.

Che cosa fare con questa oscurità è una domanda su cui l'umanità si interroga fin dall'inizio della sua storia. Per quanto ne sappiamo , su questo pianeta non c'è mai stata una cìviltà in cui l'amore abbia avuto costantemente la meglio , eppure continuiamo a sognare qualcosa del genere.

Si tratta di quella condizione che alcune religioni definiscono "Paradiso". Alcuni testi sacri lasciano intendere che in ogni essere umano dimori un antico ricordo di tale condizione , che peraltro non è mai appartenuto a questo mondo.

Si tratterebbe della dimensione del puro amore da cui proveniamo e a cui aspiriamo ardentemente di ritornare.

Il fatto stesso che talvolta, se non sempre , ci troviamo separati dalla luce del vero amore costituisce una frattura psichica davvero grande da avere gravi ripercussioni su ogni momento della nostra vita.

Essendo separati dall'Amore , siamo separati da Dio. Essendo separati da Dio, siamo separati da noi stessi. Ed essendo separati da noi stessi siamo alienati ed in preda alla follia.

Nel momento in cui ci sentiamo separati dall'amore, siamo inclini a pensare che la rabbia sia giustificata, che prendersela con gli altri sia più che ragionevole, che attaccare qualcuno per il fatto che ci sentiamo dalla parte del giusto costituisca legittima difesa , anche quando non lo è affatto.

La coscienza umana è come una spia luminosa che non si spegne mai. Può essere usata sia per accendere la scintilla che favorisce la vita, sia per innescare esplosioni devastanti.

Quando non c'è amore, c'è paura e una volta che la paura si è impadronita della mente si trasforma in debolezza, un vizio che minaccia di distruggere l'anima.

L'amore di Dio dimora in noi, Quando viviamo in armonia con il nostro vero sè, così come è stato creato da Dio riceviamo costantemente amore e così come lo riceviamo, lo propaghiamo all'esterno. Ecco cosa significa vivere nella luce!

Vivere nella luce: chi non desidera raggiungere una simile condizione?  Tutti , è logico !

Ma diventa meno logico quando qualcuno si comporta in modo da farci credere di non meritare il nostro amore . In questo caso estendere il nostro amore a quella persona ci sembra sbagliato , mentre negarglielo ci sembra più che giustificato.

Quel momento, quell'istante di pensiero negativo, per quanto minuscolo possa sembrarci, per quanto si presenti come un ragionamento assennato, è la radice di ogni male ! E' questa la nascita della separazione da Dio e l'espressione del giudizio e della condanna.

Quindi cari fratelli, quando negate il vostro amore a qualcuno , sappiate che vi state separando da Dio e dal regno della luce , precipitando di conseguenza nel regno della paura  e dell'assenza d'amore.

Dio non nega mai l'amore, e il solo modo per giungere all'equilibrio mentale sta nell'imparare ad amare allo stesso modo.

Che cosa ci fa dimenticare ciò che siamo, che ci lascia al buio , e ci induce a dividere il mondo in due estremi opposti?

E' una sola, semplicissima convinzione:  la colpa deve essere di qualcun altro .

Quando sbagliamo Dio non vuole punirci, ma semplicemente correggerci. E quando noi recuperiamo la sanità mentale, amando incondizionatamente, il mondo stesso ritrova il suo equilibrio.

L'amore di Dio non è sdolcinato, nè sempre piacevole e imbellettato con cui spesso viene confuso. Implica invece la capacità di pronunciare sempre e comunque la verità , quel genere di verità che il cuore conosce bene anche quando la mente gli resiste.

Se Dio è solo amore ed è anche onnipotente, perchè ogni essere al mondo deve fare i conti con questa forza opposta?
La risposta è che questa forza in realtà non esiste . Esiste solo amore divino.  " ciò che è onnipervasivo non può avere opposti" Il motivo pratico per cui quel mondo illusorio , che in realtà non esiste , sembra davvero esistere , è il principio del libero arbitrio.

Noi siamo liberi di pensare ciò che vogliamo. I nostri pensieri, peraltro, hanno un loro potere , indipendentemente dal contenuto , perchè il nostro potenziale creativo scaturisce da Dio.

La legge di causa ed effetto garantisce che sperimenteremo i risultati di qualsiasi cosa scegliamo di pensare.

Quando pensiamo con amore , partecipiamo alla creazione con Dio, quindi cocreiamo altro amore.

Ma quando pensiamo senza amore, ciò che produciamo è paura. Questo significa che la nostra mente è divisa. Una parte dimora nella luce, eternamente unita all'amore divino. Ma c'è un altro aspetto, allineato con il piano mortale, che dimora nell'oscurità.

Dio non percepisce l'ombra perchè, non essendo amore, l'ombra in realtà non esiste. Parallelamente essendo Dio amore, ha colto la sofferenza che possiamo sperimentare quando cadiamo nell'oscurità e ci ha fornito una guarigione istantanea. : Ha creato un'alternativa d'amore alla follia  e alla paura che ci siamo autoimposti. Tale alternativa è una sorta di ambasciatore divino che dimora in noi, accompagnandoci nella dimensione dell'oscurità ma tenendosi sempre disponibile a riportarci alla luce , se solo ne manifestiamo il desiderio.

Questo ambasciatore divino è stato definito "Spirito Santo".

La nostra missione consiste nel trascendere l'ombra e incarnare il nostro vero sè

Dio ha conferito allo Spirito Santo il potere di sottrarci all'oscurità e riportarci alla luce. Ma soprattutto lo Spirito Santo deve ricordarci che l'oscurità non è reale.

Quando siamo persi nel buio più totale , la cosa migliore che possiamo fare è chiedere aiuto allo Spirito Santo perchè il suo compito consiste proprio nel separare verità e illusione. Possiamo farlo con la preghiera o con la forza di volontà

"Voglio vedere le cose in un modo diverso" è una affermazione con cui permettiamo allo Spirito Santo di far luce sul nostro sistema di pensiero e ricondurci così dalla follia alla verità, dall'oscurità alla luce .
Per il resto della vita il nostro compito consiste nell'uscire dall'oscurità e tornare alla luce , ricordarci dell'amore che c'è in noi , percependone la presenza in ogni altro individuo.

DOVE NON C'E' AMORE ASPETTATEVI PAURA

Qualsiasi pensiero che non sia colmo d'amore è un invito a nozze per la paura.

Siamo indotti a credere al mito della neutralità in cui non è necessario amare gli altri, basta non danneggiarli.

In Verità non esiste neutralità: ogni nostro pensiero è fonte o di guarigione o di danno. Se non scelgo di amare , in quel preciso istante creo un vuoto che viene immediatamente colmato dalla paura.

Ogni volta che mi concentro sull'oscurità di chi mi sta di fronte, accedo inevitabilmente alla mia . Una volta immerso nell'oscurità del giudizio e della condanna non sono più in grado di cogliere la mia luce e di trovare ed esprimere il mio sè migliore.

Nel suo stato naturale , la mente è in costante comunione con lo spirito dell'amore, ma anche l'oscurità ha i suoi ambasciatori che ci inducono a percepire senza alcuna traccia d'amore gli altri.

Il mondo intero è dominato da pensieri di paura e le logiche dell'oscurità sono continuamente rinforzate.

Se non pratichiamo la pregiera, la meditazione o qualsiasi esperienza d'amore condiviso tra il creatore e il creato cadiamo facilmente nelle tentazioni di percepire tutto senza amore.

Dobbiamo chiudere il nostro segnale all'oscurità e alla paura e rivolgerci alla luce , ricercandola senza sosta. Il Mondo sarebbe davvero migliore se cominciassimo a rallentare il nostro frenetico attivismo e cominciassimo a coltivare il sacro nella nostra quotidianità.

Il nostro stile di vita attuale  è dominato dall'oscurità per il semplice fatto che c'è troppo rumore, troppa televisione, troppo computer, infiniti stimoli esterni che riducono al minimo quella luce che possiamo trovare solo nella riflessione e nel pensiero contemplativo.

Il silenzio coltivato ci aiuterà nel percorso di ritorno alla luce.

Un altro modo di coltivare la luce è unirsi ad altre persone in uno spazio sacro. Nei gruppi che si dedicano alla spiritualità in un'atmosfera di amore e devozione, il campo magnetico dell'amore è intensificato , così da elevare tutti i membri a una vibrazione superiore. Per contro l'oscurità si allontana , diventa quasi impercettibile

Ovviamente la tentazione di lasciarsi andare all'oscurità è pur sempre presente e deve essere affrontata, ma uno modi in cui essa perde il suo potere consiste proprio nell'unirsi agli altri alla ricerca della luce.

Sviluppando una consuetudine alla pratica spirituale ci radichiamo nella luce del nostro vero essere.

Nel corso di una normale giornata tutti formuliamo un'infinità di pensieri oscuri. Per quanto ci sforziamo di comportarci da brave persone la nostra predisposizione al pensiero radicato nella paura è sempre in agguato. Ma anche lo Spirito Santo è onnipresente ed è autorizzato da Dio a fornirci qualsiasi aiuto di cui possiamo avere bisogno.

QUANDO C'E' AMORE LA PAURA SCOMPARE ALL'ISTANTE 

Una tecnica molto potente per far svanire i pensieri negativi, è la gratitudine. Quando c'è amore, la paura scompare all'istante. In altre parole il problema non è tanto la presenza della negatività, quanto l'assenza della positività.

Non bisogna sottovalutare il potere dell'oscurità. Non è sufficiente meditare ogni tanto , pregare ogni tanto;  bisogna farlo su base quotidiana.

La preghiera non è soltanto un simbolo: è una forza! La meditazione non è un semplice strumento per rilassarsi , ma qualcosa che armonizza le energie dell'universo. Il perdono non ci fa sentire meglio, ma trasforma letteralmente il nostro cuore. Tutti i poteri che scaturiscono da Dio ci rendono liberi.

Sottovalutare il potere dell'oscurità sarebbe psicologicamente poco realistico, ma sottovalutare il potere di Dio è segno di immaturità spirituale.

Secondo il punto di vista dell'oscurità, la luce è un nemico. La per la luce l'oscurità non è nulla: non esiste semplicemente  

Anche se la mente è creata per essere un canale del divino e per innescare esplosioni d'amore, il libero arbitrio implica che possa prendere la direzione opposta: tutto dipende dalla nostra scelta.

La nostra mente è perennemente impegnata a estendere l'energia dell'amore , oppure a proiettare paura, e nel contempo progetta inconsciamente come farlo nel m,odo più efficace.

L'oscurità è la nostra stessa mente che si ribella contro di noi. Proprio come lucifero, che prima della caduta era l'angelo più bello del paradiso, o come una cellula cancerosa che prima di impazzire era una comune cellula operativa, l'oscurità non è altro che il nostro pensiero rivolto nella direzione sbagliata.

L'oscurità può approfittare della nostra stessa intelligenza perchè in effetti è intelligenza piegata agli scopi della paura , e ha tutte le caratteristiche di un essere vivente perchè sta attaccata alla nostra esistenza. E come ogni forma di vita, cerca di preservare se stessa.

Ogni volta che l'amore si avvicina,l'ombra intensifica l'attività per salvaguardare se stessa. Sa bene che l'amore è il suo unico, vero nemico.

Ecco perchè quando percepisce l'amore, quando sente arrivare la luce, si mette a lottare per la propria sopravvivenza , e lo fa cercando con qualsiasi mezzo di annullare, mettere a tacere o stravolgere tutto ciò che c'è di buono in noi.

Sa infatti che nel momento stesso in cui ci ricorderemo della luce del nostro vero sè, lei non avrà più alcuna possibilità di scampo.

Finchè non ci allontaniamo consapevolmente dalla paura, finchè non imbocchiamo la via dell'amore, l'energia dinamica della paura continuerà a distruggere sistematicamente tutto ciò che incontrerà sul suo cammino.

Non dobbiamo dimenticare che lo scopo ultimo dell'oscurità è l'autodistruzione, la morte.

La salvezza può giungere solo tramite l'esperienza spirituale. Solo Dio dispone del potere di vincere l'ombra , in qualsiasi sua manifestazione.

E' proprio questa la sfida  che ci propone l'oscurità: innalzarci verso la luce che risplende su di noi a tal punto da rendere l'oscurità del tutto impotente.

Alla fine di tutto la luce riesce sempre a prevalere.

Odiare l'oscurità non ha alcun senso , giacchè si tratta soltanto di ferite che devono essere guarite. Non dobbiamo invece giungere all'estremo di negarla , perchè l'oscurità può essere dissipata soltanto se viene portata alla luce  a livello individuale e collettivo.

L'oscurità va affrontata e consegnata al potere della verità.

Tradizione mitologica a parte , ci sono prove concrete storiche a dimostrazione di come l'amore finisca sempre per trionfare

La seconda guerra mondiale va ricordata non solo per la malvagità di Hitler ma soprattutto per lo spirito di sacrificio delle splendide persone che l'hanno sconfitto. Il culmine delle grandi tradizioni religiose non è la crocifissione, ma la resurrezione; non è la schiavitù degli ebrei ma la liberazione e il raggiungimento della terra promessa.

Nella nostra epoca , e soprattutto ai giorni nostri, essendo soggetti alla minaccia di un'infinità di oscurità siamo tenuti a ricordare che , per quanto ci sembrino tenebrose, quando vengono esposte alla vera luce, non sono più  nulla.

ABBRACCIAMO FATTIVAMENTE LA LUCE CON INTENSITA' ANCORA MAGGIORE DI QUANTO TEMIAMO L'OSCURITA'

Se ci identifichiamo unicamente con la dimensione mortale, la paura sembra del tutto giustificata. Quando però estendiamo le percezioni oltre i confini di questo mondo , percepiamo le cose con una luce assai diversa. Comprendiamo che l'amore riesce sempre ad affermarsi, perchè è così che è programmata l'esistenza ed è questa la vera natura delle cose.

Sebbene cadremo nell'oscurità, ossia negli aspetti del nostro essere che non abbiamo ancora guarito, è altrettanto certo che ne saremo liberati.

Lo Spirito Santo è una presenza eterna e quando gli individui fanno prova di umiltà, chiedendo perdono e facendo ammenda , ricevono la grazia, discende la luce della coscienza celeste e l'oscurità viene dissipata.

Talvolta facciamo due passi avanti in direzione dell'amore, poi un passo indietro in direzione dell'oscurità, ma in ultima analisi il fascino della luce è molto più grande delle lusinghe del buio.

SE DAVVERO INTENDIAMO SCONFIGGERE IL POTERE DELLA PAURA NON POSSIAMO CHE ARRENDERCI AL POTERE SUPERIORE DELL'AMORE.

Possiamo invocare Dio servendoci del suo nome , rinunciando di fronte a Dio ai nostri difetti caratteriali, chiedendogli di essere guariti e purificati.

Preghiera, espiazione, perdono e amore: tutte cose che inducono l'oscurità alla fuga.

Quando si odia Dio non è presente, Quando si ama Dio è con noi.

Riconosciamo i nostri peccati che altro non sono che errori, e consegnamoli a Dio , nutrendo un autentico rimorso, ed in questo modo saremo liberi dalle conseguenza spirituali, poichè un momento di grazia brucia il karma negativo, i pensieri oscuri mortali vengono sostituiti dalla perfezione dell'amore

Ammettendo tutti i propri difetti caratteriali, si chiede a Dio di esserne liberati. In questo modo l'oscurità esposta alla luce , viene trasformata in virtù del potere della riparazione

La riparazione esiste perchè è necessaria. Siamo tutti umani , abbiamo inevitabilmente subito le nostre ferite e ci siamo lasciati sopraffare dagli aspetti tenebrosi dell'esistenza umana.

Siamo tutti caduti, certo , ma ci sono stati dati anche gli strumenti per rialzarci.  Dobbiamo però affidarci al potere che ricostruirà le nostre ali.

Dobbiamo essere disposti a rivelare alla luce la nostra oscurità, e consegnarla consapevolmente e deliberatamente nelle mani di Dio

Chiediamo a Dio di trasformare il nostro cuore

La guarigione del Mondo non può scaturire dai nostri tentativi di cambiare e correggere gli altri, ma dalla nostra disponibilità a cambiare e correggere noi stessi. Giacchè le nostre menti sono tutte interconnesse , la capacità di correggersi di un singolo individuo influisce sulla guarigione dell'intero universo.

A dire il vero , è l'unica cosa che può farlo

Se non vivi in Paradiso e nella luce sei ancora nel peccato e nell'errore

Il processo di riparazione implica coraggio, compassione e assoluta onestà verso se stessi

Quando le cose si complicano è estremamente facile scaricare sul prossimo la responsabilità di tutti i propri problemi. Incolpiamo il banchiere , lo Stato, la Mafia, il terrorista, il politico etc

Invece il vero ricercatore si chiederà: Dove ho sbagliato? Quale è la mia responsabilità in questo disastro?

Se non diventiamo consapevoli di quanto siamo disonesti, duri, cinici, inflessibili, irrispettosi, avidi, prepotenti e via dicendo , non potremo mai porvi rimedio.

Se ci militiamo a reprimere l'oscurità nel vano tentativo di rinnegarla, continuerà a esistere sotto forma di elemento non integrato della nostra personalità.

Inoltre non abbiamo alcun potere su ciò che non abbiamo esplorato

Ci vuole coraggio per guardare profondamente dentro di sè, ma d'altro canto finchè non ci saremo riusciti non potremo sperimentare una vera pace , nè un'autentica libertà

Rinunciamo all'oscurità e chiediamo di essere guariti
Dio non ci può liberare da ciò che non rimettiamo coscientemente nelle sue mani, perchè questo rappresenterebbe una violazione del nostro libero arbitrio

Ma quando ci arrendiamo consapevolmente e facciamo ammenda, la trasformazione è certa

Un simile lavoro interiore può essere doloroso ma è essenziale e inevitabile. Le ferite devono essere curate e Dio non è qui per giudicarci ma per guarirci

Spesso l'idea di passare al setaccio la nostra oscurità ci spaventa, perchè vorremmo evitarci la vergogna o l'imbarazzo che ci coglieranno nel momento in cui ammetteremmo i nostri errori. In realtà ciò che dovremmo temere è la nostra incapacità di investigare l'oscurità, perchè negandola la alimentiamo ulteriormente.

La guarigione potrà iniziare soltanto quando ci saremo guardati allo specchio con obiettività.

Per guardarvi allo specchio è semplice: il mondo vi rispecchia e ciò che vedete vi appartiene .

Più vedete un mondo sbagliato , più il lavoro da fare su voi stessi è tanto.

Una volta aperti gli occhi , ci risulterà tutto chiaro. Lo ammetto è così. Faccio ammenda per il mio errore, sono disposto a riparare. E prego per riuscire a diventare una persona migliore fin da ora.

L'oscurità non conosce misericordia, ma Dio si .

L'inferno è ciò che l'oscurità crea in questa vita e l'amore è ciò che ce ne libera : la riparazione è un aspetto dell'amore divino.

Facendo ammenda vivremo il miracolo della trasformazione spirituale.

Avendo rimesso a Dio le decisioni sbagliate che abbiamo preso in passato possiamo dirci " Non mi sentirò in colpa, perchè se glielo consentirò, lo Spirito Santo potrà svincolarmi da tutte le conseguenze delle mie decisioni errate"

Quando chiedimao perdono con cuore umile e sincero, veniamo liberati dal vortice del dramma creato dall'oscurità.

Dopo avere riconosciuto ciò che siamo a livello dell'oscurità, possiamo riprendere il nostro percorso e tornare alla luce.

La guarigione non si ottiene facendo finta che i nostri problemi irrisolti non esistono o attribuendone l'intera responsabilità agli altri

Fanno più danni le persone che pensano di essere perfette di quelle che sono umilmente giunte alla conclusione opposta.

Il nostro potenziale oscuro si esprime al meglio proprio quando pensiamo che i problemi e la colpa siano tutti degli altri

La proiezione della colpa sul prossimo è un fenomeno endemico

Sin dalla nascita ci viene instillato un sistema di convinzioni che rinforza la nostra sensazione di separazione: Io sono nel mio copro, tu nel tuo e Dio non è in nessuno di noi.

Da questo senso di separazione nasce il bisogno cronico, l'impotenza, paura del mondo, solitudine esistenziale, attaccamento o distacco estremo dagli altri , debolezza e mania di controllo .

In realtà sono Figlio di Dio e in me ci sono risorse e forza infinite

Non c'è manifestazione dell'oscurità che sia radicata in un pensiero di separazione.

Guarire la concezione errata che ci induce a credere di essere separati dal tutto  ( dal Creatore, dal prossimo, dal creato) costituisce la soluzione definitiva al problema dell'oscurità

Tale riconciliazione della mente e dello spirito, il ritorno dell'anima alla conoscenza del divino , costituisce l'apice dell'illuminazione che dissolve ogni forma di oscurità.

Quando la nostra mente si riconcilia con la verità, non solo ci rendiamo conto di essere un'unica cosa con ogni altro essere , ma anche di portare in noi il seme divino.

Dobbiamo aprire le porte a Dio  e lasciare che la sua luce ne cancelli le tracce. Dio l'ha sempre fatto , e non si fermerà mai.

PENTITEVI ED A VOI IL REGNO DEI CIELI

MI DISPIACE, TI PREGO PERDONAMI, GRAZIE TI AMO 

A VOI MIEI DEGNI LA CHIAVE DEL PARADISO

La voce di Dio


La pratica spirituale costituisce la chiave per trasformarci in autentici portatori di luce.

La realtà in cui viviamo ci spinge giorno dopo giorno, a credere di essere ciò che non siamo affatto e di non essere ciò che siamo davvero.

Per superare queste pressioni dobbiamo tenere continuamente in allenamento il pensiero e la volontà.

Il pensiero dell'amore è l'esatto contrario della modalità che domina questo mondo, e proprio per questo dobbiamo continuamente ricordarci della luce.

Il mondo ci instilla continuamente pensieri di paura; vuole convincerci che solo l'ombra è reale  e che la luce è illusoria

 L'unica cosa reale è la nostra luce, non l'oscurità

Il nostro problema non è tanto la prigionia dettata dall'oscurità, ma il rifiuto della luce, la resistenza a far emergere il nostro vero sè superiore

L'unico modo in cui possiamo sfuggire all'oscurità consiste nel crescere e supererne i limiti, abbandonandola come faremmo con quei vecchi abiti consunti che non ci vanno più, fino a trasformarci nei giganti spirituali che siamo destinati ad essere.

Per quanto possa essere bizzarro, però, l'oscurità ci offre una certa sicurezza. Infatti finchè siamo deboli non dobbiamo assumerci la responsabilità di essere forti

Sposiamoci con la nostra sacralità e rinunciamo a tutto il resto

Abbiamo raggiunto il punto in cui l'umanità deve scegliere quale direzione prendere : il sentiero della paura o quello dell'amore?

Vivremo su questa terra sperimentando la gioia del Paradiso. La nostra realtà attuale è satura di paura , ma la nostra luce interiore risplenderà tanto intensamente da dissipare qualsiasi forma di oscurità.

Possiamo abbracciare appassionatamente la luce e liberarci per sempre dell'oscurità; possiamo trasformarci in una specie dalla coscienza così luminosa che la nostra sola presenza sarà sufficiente a scacciare ogni tenebra.

Possiamo riuscirci! Non è solo un sogno

Nel momento in cui ognuno di noi sceglie l'amore anzichè la paura , contribuisce a quella nuova grande onda d'amore che sta già cominciando a diffondersi in tutto il mondo .

E' venuta l'ora di risvegliarci , dobbiamo farlo per la salvezza di chi è appena nato, per far rifiorire l'amore , per la gloria della natura e la meraviglia degli animali, per la misericordia divina e le future generazioni! E' ora di farlo!

Testo tratto da

"The shadow effect"
Deepak Chopra
Debbie Ford
Marianne Williamson







Nessun commento:

Posta un commento