Pagine

Loading...

martedì 17 aprile 2012

IL MALE : COME TRASFORMARLO


Il Male richiede ciò che i più sono meno disposti a dare: essere onesti con se stessi, mostrare ciò che veramente si è, eliminare la maschera delle proprie finzioni, ed entrare in contatto con la propria nuda vulnerabilità. Non è una richiesta da poco, ma è il solo modo per raggiungere realmente la pace e l'integrità".
E.Pierrakos
Il male e come trasformarlo

Ci viene quasi da nasconderci nel pronunciare questa parola male, non lo conosco, non esiste di sicuro in me e nemmeno negli altri.
Siamo disposti ad ammettere l'esistenza del male nella guerra, nelle persone considerate malvagie dalla società, ma non in noi.
".non è proprio male , è un normale difettuccio." sembriamo dire tra noi e noi.

Ammettere l'esistenza del male in noi ci causerebbe vergogna, senso di colpa. Questo anche perché, culturalmente, nessuna funzionalità viene attribuita al male.

Eppure, senza gioco tra male e bene, senza uno squilibrio che porta all'azione, all'attività, la vita non esisterebbe e così nemmeno il bene. Senza giudizi morali, quindi, il male ed il bene sono due aspetti complementari nella creazione della vita.
E sono fondamentali, in quanto è grazie alla possibilità della vita che possiamo esprimerci e crescere come anime.

Mai nessuno di noi ha compiuto azioni, ha prodotto pensieri ed emozioni tossiche, non produttive, tutt'altro che innocue per gli altri ?
In media l'umanità produce quotidianamente pensieri, emozioni, azioni creative, vitali, produttive ed innocue ma anche azioni dannose per sé stessi e per gli altri.

Se riusciamo ad avere il coraggio di ammettere a noi stessi, ed in un secondo momento anche agli altri, l'esistenza di queste differenti qualità espressive in noi, abbiamo già ammesso di vedere in noi il male.
Il male è tutto ciò che genera odio (NdR: cioe' mancanza di rispetto, quindi il male - satana o diavolo e' anche in NOI tutti, quando manchiamo di rispetto agli altri uomini, animali, ambiente ed Universo !).

Ammettendo la presenza del male in noi, il nostro cuore si alleggerisce ! Vederlo ed ammetterlo è liberatorio.
Non occorre più sprecare forze per nascondere le nostre imperfezioni, il nostro umano odio latente, la nostra rabbia.
Nel momento in cui vediamo questi nostri aspetti ed i loro effetti dannosi sulla vita, nostra e degli altri, siamo già più adulti.

Il male infatti, va considerato come una parte di "vita" e di coscienza che deve crescere, che deve imparare a rivolgere il suo sguardo egoista verso gli altri. Verso la vita. In questo modo queste parti di male della nostra coscienza diventano adulte ed operano per la vita.

Nell'istante in cui le vedi, vengono alla luce, si manifestano senza maschere e nella nostra coscienza crescono e maturano.
Nel momento in cui ci rendiamo conto di come il male si esprime e plasma le nostre azioni, emozioni e pensieri, allora ci accorgiamo di quanto possa veramente essere dannoso, soprattutto se non lo si vuole riconoscere al fine di trasformarlo.

Allora vediamo come il male è anatomicamente strutturato in noi, per cui passa inosservato, e come si esprime attraverso nostri personali modelli comportamentali, pregi, difetti, attitudini e tendenze.
Lo consideriamo già una parte di noi, ma lo giustifichiamo perché ci fa sentire in colpa.
(non posso essere così brutto !)

Non ne vediamo le radici, non ne vediamo l'utilità, vediamo solo la nostra umana debolezza ed imperfezione, alla quale, intuitivamente, ne attribuiamo la causa.
Di questa imperfezione ci vergogniamo. E su questa vergogna basiamo la nostra vita, fatta di strutture mentali, emotive e comportamentali atte a nascondere la nostra debolezza, la nostra parte infantile, il nostro male.
Questo ci fa inevitabilmente sentire inadeguati, inferiori.

Ma comprendere il valore e l'utilità del vedere l'imperfezione ci può cambiare la vita. La conduce verso la verità, l'armonia della nostra espressione, la limpidezza.
I nostri difetti esistono per diventare i nostri maggior pregi, le nostre risorse.

Proviamo a considerare, anche solo per un giorno della nostra vita, che il difetto che più ci ostacola possa essere un punto su cui lavorare per rendere fiore aperto una gemma ancora chiusa.
Il nostro essere in superficie generosi, ad esempio, può nascondere una grande avarizia, che se portata alla luce può rivelare le sue radici, le sofferenze che l'hanno prodotta ed infine trasformarsi finalmente in vera apertura, vero amore, vera generosità.

Il male non è atro che una parte di noi ancora immatura, non cosciente. Agisce in modo egoista e, nonostante le apparenze, rema verso la nostra insoddisfazione.

Non è utile colpevolizzarsi per il male che è in ognuno di noi, utile è solamente: predisporsi a riconoscere il male in noi, osservare i nostri difetti, riconoscere come agiscono quotidianamente, sentire ed osservare come agiscono contro di noi.

Questi sono i primi importanti passi verso la trasformazione dell'incoscienza in coscienza, del bambino in adulto, dell'ombra in luce.

Questo è il vero lavoro alchemico del trasformare il piombo in oro.

Tratto da naturopatiaonline.org

lunedì 16 aprile 2012

COSA E CHI E' IL DIAVOLO O SATANA?



La parola "diavolo" deriva dalla parola latina diabolus che significa "il calunniatore" e dall'etimo greco "dia-bolein" che significa "lanciarsi attraverso per separare", cioè agire per dividere senza aver prima conosciuto e penetrato l'altro concetto; dal Sanscrito, dal Fenicio e dallEbraico antico, abbiamo l'altra parola "shatan" che significa: "l'avversario od il nemico".

Da sempre quest'ultima parola "shatan", è stata dai "religiosi" unicamente unita al concetto che essa fosse il nome dell'entità o dell' essere che impersona il "male" in assoluto.

Dal Fenicio antico, vediamo come questa parola derivi dalla radice STN: Schin+Tet+Nun, analizziamola:

La Schin ha la funzione del trasferire da una idea ad un'altra, il passare da una unità ad un lato degli "opposti" di questa unità;
Le due lettere Schin e Tet indicano ciò che tende all'oscurità, alla profondità, al non vedere, il non capire, andare verso l'involuzione, alla non conoscenza, chiudendosi su sé stessi per non farsi penetrare dalla Conoscenza, per nascondersi dalla verità; dividere ciò che è unito e farselo apparire come "diviso"; allontanarsi dalla propria essenza unitaria.

Le lettere Tet e Nun indicano che l'Uomo viene trasformato in ciò che genera idee di opposizione, di divisione, in ciò che si contrappone, che genera resistenza alla verità e la rigetta, in un essere debole ed impotente che si lascia andare, che si abbandona, si nasconde alla verità per non vedere, per non capire, (ecco la definizione dei mezzi uomini)

Come abbiamo visto il termine "satan" o "diavolo", sono condizioni esistenziali, modi di pensare, di vedere, di vivere UN SOLO LATO dell' INTERO; vivere dividendo ciò che in realtà è unito;
Essere posseduti dal demonio è avere schemi mentali che impediscono di vedere e di comprendere che bisogna tendere ad unire gli apparenti contrari per ricercare la Verità, in quanto il soggetto allontana da Sé Stesso la vera Conoscenza;

Non si pu raggiungere Dio se non attraverso la Coscienza. Dio è una condizione esistenziale, un modo di Essere, il vivere l'Unità nella dualità ; se noi vediamo Dio negli altri ed in noi stessi, vivremo questa Divinità.

Così ugualmente, non si può "raggiungere Satana" se non attraverso la Coscienza.
Il "diavolo" è una condizione esistenziale, un modo di essere (colui che non sa e che non vuol sapere, probabilmente perché "pensa" di avere già tutta la Conoscenza); se noi NON vediamo la Divinità in noi e negli altri e NON tendiamo a viverla in noi e negli altri, allora siamo noi stessi "satana".

Dio è l'Infinito che si manifesta nell'inFinito Universo che si materializza informandosi sempre di più; quindi è l'evoluzione verso e nella CONOSCENZA;
Satana è il NON voler andare verso la Conoscenza, fermarsi al non conoscere per paura o per presunzione.

L'identificazione e la correlazione del buio, delle tenebre = male, è nota a tutti;
l'Uomo tende facilmente a collegare per non conoscenza, il male, a ciò che non conosce o del quale "sente" emotivamente disagio; l'ignoto, il buio, l'avvenimento "diverso", e le cose che vengono viste o vissute come un demone da combattere, produrranno sempre paure ed aggressività;
Infatti l'uomo molte volte le demonizza e le scarica per esempio sul suo simile o sull'indemoniato, il posseduto, credendo che la cosa "strana", diversa, sia da distruggere, non da comprendere o darne spiegazione con la ragione e l'intuito.

Se invece il male ed il bene vengono visti o vissuti come momento di Conoscenza, da penetrare per capire, ascoltare le sensazioni emotive che essi esercitano sullEgo/IO, che vanno comunque analizzate dalla ragione e dalla logica, allora ecco che improvvisamente il demone si trasforma in "Angelo di Luce", in Informazione, in Conoscenza ed in Gioia.

La paura è sempre figlia dell'ignoranza, la NON conoscenza, infatti è diabolica, di fatto il male è l'ignoranza, la NON conoscenza. Quindi il diavolo o satana è essere nella condizione di non Conoscere.

E di tutta evidenza colui che dice al suo prossimo: "Sei posseduto da satana o dal diavolo", non ha compreso questi concetti, egli è uno che è esso stesso diviso, non unito e divide gli altri da Sé.

Possiamo definire la parola "diavolo" anche così: "Quel "qualche cosa" o quella "idea" che ha percezione di parte di Sé e che di fatto è diviso non armonizzato, non in risonanza, non in partecipazione con gli altri Punti o Enti di Sé.





domenica 1 aprile 2012

APPELLO DI MADRE TERRA AL RISVEGLIO




Gaia (Madre Terra) ha rivolto questo messaggio a tutti coloro che
appoggiano l’industria petrolifera, banchieri, capi militari, agenzie
sovversive, industria farmaceutica, leader religiosi e agli altri che
mantengono le tenebre su questo pianeta.

Salute a voi tutti. Parlerò lentamente e con sincerità, poiché tutti
dovete ascoltare ciò che ho da dire. Alcuni di voi agiranno, altri
reagiranno. E, con un po’ di fortuna, qualcuno risponderà sentendo
che occorre prndere in considerazione tutto questo. Io ho tollerato
per troppo tempo gli abusi sull’acqua, sull’aria, sulla terra. Per
quanto mi riguarda, questa tolleranza è finita.

Risponderò per me stessa. Potranno esserci perdite di vite umane, o
di ingenti profitti, e conseguenze catastrofiche per quelli di voi che
continuino a mettere avanti a tutto la cupidigia, il potere, il
controllo. Stiamo per avere accesso ad un paradigma completamente nuovo, che richiede di prendere decisioni coscienti.

Siete voi a scegliere. Quelli che sceglieranno di continuare a
violentare, ad appropriarsi impunemente e saccheggiare il mio olio
minerale e altre “gratificazioni non necessarie”, saranno degradati
ad un regno inferiore, per imparare la lezione insieme agli altri che
rifiutano l’ascensione. Può essere ciò che chiamate “vivere il peggior
incubo”. Per quelli di voi che avranno il coraggio di lasciare il
proprio lavoro e muovere verso una prospettiva nuova, più verde, si
apriranno strade di abbondanza personale.

Si apriranno per ciascuno di voi. A partire da ora creerete ciò su cui
vi focalizzate e lo integrerete con tutto il resto della vita. Paura e
attaccamento creeranno diffidenza e caos tra migliaia o milioni di
altre persone, che faranno lo stesso attorno a sè. Non ci sarà chi
lavora per la luce a calmarli e persuaderli, alleviare le loro pene, o
portarli ad una frequenza più elevata.

Quelli di voi che sceglieranno un sentiero di maggiore evoluzione
saranno generosamente premiati a molti, molti livelli. Sappiamo
che questo cambiamento non è né facile, né immediato, e tuttavia
siamo ad un punto in cui vi chiediamo di mostrarci quale direzione
intendete prendere. Per coloro tra voi che scelgono una sentiero più
alto, dobbiamo poter vedere i vostri sforzi in questo senso. Saremo
compassionevoli, ma il momento è adesso. Voi avete un modo di
dire, “SE NON ORA, QUANDO?”

Non è una minaccia, è semplicemente un avviso. Questo è ciò che
succederà. Non vi sarà più permesso dissacrare la Terra, gli oceani,
o le mie preziose risorse.

Le mie risorse sono preziose affinché io funzioni efficacemente. Il
petrolio non è più necessario in questi tempi, in quanto avete una
tecnologia superiore, appropriata, già disponibile per sostituire il
petrolio in tutti i suoi usi. La plastica si può riciclare, ed esistono
nuovi materiali che sono più rispettosi dell’ambiente. Usare i miei
oceani come un immondezzaio è inaccettabile. Sterminare la mia
flora, la mia fauna, sulla terra o nell’oceano, è inaccettabile.
Strappare le membra di questi bellissimi animali, pesci, uccelli, per
stimolazione sessuale, o come soprammobili, o per ricavarne
profitto – tutto ciò ora cesserà e non sarà più consentito. I felini non
sono stati creati per diventare i vostri indumenti o tappeti. L’avorio
non potrà più essere sottratto prima della morte naturale
dell’animale.

Siamo consapevoli che questo messaggio può aver bisogno di tempo
per essere compreso, e per raggiungere le arterie e i flussi sanguinei
capillari di tutto ciò che avete creato. Ma, anche se è così, saremo
intransigenti con chiunque si azzardi ad opporvisi. Se il reddito di
una famiglia deriva dalla caccia di frodo – o dalle medicine, o dal
petrolio – sarà la famiglia intera ad essere in pericolo. Tutto questo
deve cessare ORA. Sappiate pertanto che chiunque tra di voi
contravverrà a questo, fa del male non solo se stesso, ma a TUTTI i
suoi familiari.

Tutto questo avrà molte ramificazioni, che attraverseranno il
sistema circolatorio da un capo all’altro, fino ad in cima; e giungerà
anche al di fuori del pianeta, a coloro che pianificano, organizzano,
e muovono i fili da altre galassie. È stato decretato così dalla
Federazione Galattica, il Consiglio di Cristo, il regno degli Arcangeli
e tutti i Maestri Ascesi.

Così, amati esseri, SIETE VOI A SCEGLIERE. Coloro che
desiderano ascendere possono venire e giocare con il nuovo
paradigma. Chi desidera rimanere nel vecchio ordine delle cose può
farlo – questo è il pianeta del libero arbitrio. Dovranno però,
semplicemente, accettarne le conseguenze.

Passando a qualcosa di più leggero, esistono molti, moltissimi esseri
come voi che stanno incominciando a risvegliarsi, e a rendersi conto
che ogni nostro pensiero, azione o parola ha conseguenze. Man
mano che un numero sempre maggiore di persone sceglierà la luce,
il sentiero più elevato, o il cammino verso un livello superiore di
coscienza, tutte le energie del pianeta saranno amplificate.

Di conseguenza, se avete scelto l’avidità e il caos, le conseguenze
saranno moltiplicate per 10 in ciò che resta dell’anno in corso.
Coloro che sceglieranno una via più consapevole, vivendo in modo
compassionevole e comunitario (tutta la Terra è una comunità),
troveranno che pace, amore, gioia e prosperità saranno moltiplicate
per 10 o per 100.

Troverete coloro che vi insegneranno. Chiedetelo, e il maestro
apparirà. È semplicissimo. Può essere vostro figlio; o un animale di
compagnia, un estraneo, o una guida da un altro regno. Pregate con
sincerità, e riceverete.

Lasciate andare il dubbio, scegliete la fiducia. C’è luce tutto intorno
a voi. Avete qui (sulla Terra) esseri umani sacri che ricevono questo
messaggio, traboccanti di profonda compassione per l’umanità, e
che hanno dedicato la propria vita a questo servizio. Sono solo
alcuni dei molti che vivono su questo bel pianeta, ma mi danno una
meravigliosa speranza, e rendono tutto tollerabile per me. Lo faccio
per loro. In onore, integrità, profoda compassione e forza.

Tuono Blu
Messaggera Spirituale