Pagine

Loading...

mercoledì 23 maggio 2012

IL FUTURO


"L'evoluzione sociale non serve al popolo se non è preceduta da un'evoluzione di pensiero"
Franco Battiato

Se non accade qualcosa di radicale, niente può destabilizzare i poteri di Mafia e Camorra in Italia, ma in Italia sta proprio per accadere qualcosa di radicale.

Niente esplosioni di violenza -non è nel nostro stile e nemmeno necessario ( anche se molti, alla fine, nel caos sociale che si verrà a creare, ci lasceranno la pelle) - ma un naturale, inevitabile crollo di tutti i nostri attaccamenti a ciò che è materiale... affetti compresi. Nel volgere di poche settimane ci verrà tolto tutto.

La nostra nazione si trova in questi anni in prossimità di un punto di biforcazione, un periodo di "crisi", una soglia di stabilità oltre la quale un qualunque sistema, è costretto a passare a un nuovo stato di ordine.

Ci attende un periodo decisamente difficile, nel corso del quale assisteremo e stiamo già assistendo al crollo economico e sociale della nostra nazione.

Perchè stiamo andando verso il disastro?

Il percorso evolutivo dell'umanità è rivolto all'Unità; ciò significa che le coscienze degli uomini, soprattutto nel presente periodo storico, vengono spinte a grande velocità in direzione dell'apertura del Cuore e dell'espansione della coscienza.
La conseguenza è che ogni attaccamento materiale e ogni chiusura mentale, nei prossimi anni verranno spazzati via senza pietà.

Nella misura in cui siamo attaccati al nostro posto di lavoro, ai soldi, alla casa, all'automobile, al partner, al genere di vita comoda che siamo abituati a condurre... soffriremo quando tutte queste cose ci saranno tolte. Ed esse ci saranno tolte per certo, dal momento che non ce ne sappiamo ancora distaccare.

"La crisi nazionale e la crisi mondiale sono quindi causate esclusivamente dai nostri attaccamenti materiali"

La situazione peggiorerà ulteriormente, in quanto noi non vogliamo ascoltare i messaggi dell'Esistenza, e continuiamo imperterriti a restare attaccati a tutto ciò che è materia, cioè attaccati a un'illusione spaziotemporale.

Vogliamo la libertà, ma non siamo stati educati a comprendere che la "libertà" è uno stato della coscienza, non una situazione esteriore: Si può essere schiavi anche all'interno di una democrazia, ma quando si apre il cuore ci si può sentire totalmente liberi anche dentro la cella di una prigione.

Vogliamo più sicurezza nelle nostre strade, ma non siamo stati educati a comprendere che la "sicurezza" è uno stato della coscienza, non una situazione esteriore: ci si può sentire insicuri anche in una villa circondata da un muro alto tre metri, un fossato pieno d'acqua con alligatori e pirana, tre sistemi di allarme satellitari e dieci cani da combattimento.
L'apertura del Cuore invece conduce immediatamente alla vera sicurezza, allora possiamo camminare di notte nel quartiere più malfamato della città, a contatto con spacciatori e rapinatori, ma non provare alcuna paura, in quanto ormai ci sentiamo tutt'uno con gli altri e percepiamo il mondo come casa nostra.
La città smette di essere un luogo sconosciuto e pericoloso e noi smettiamo di attrarre situazioni estreme.

Vogliamo più soldi e un lavoro sicuro, ma non siamo stati educati a comprendere che la ricchezza è uno stato della coscienza, non una situazione esteriore : con il Cuore aperto ci si sente veramente ricchi, e chi si sente ricco dentro non dovrà mai patire la povertà esteriore. Non percepire questo genere di ricchezza ci condanna a sentirci insoddisfatti anche se siamo dei facoltosi finanzieri o amministratori delegati della parmalat. Se siamo poveri dentro, la ricchezza materiale non ci basterà mai, perchè non potrà mai riempire il vuoto dello Spirito che ci affligge.

La folle ricerca nell'ambiente esteriore di tutte quelle qualità - libertà, sicurezza, ricchezza - che sono invece esteriori. rappresenta la "causa esoterica" del collasso di questa civiltà.

Milioni di persone incapaci di provare la ricchezza dentro se stessi per mezzo dell'apertura del Cuore, attraggono per risonanza situazioni di crisi economica e povertà.

Attraverseremo un periodo nel quale sarà difficile procurarsi anche i beni di consumo  primari.
Se consideriamo la legge di compensazione è naturale che ciò avvenga: due cellulari a testa e centinaia di tipi diversi di merendine confezionate negli scaffali degli ipermercati non possono che portare a una situazione in cui mancheranno acqua, il pane e l'elettricità.

A chi vive in città - il luogo dove maggiormente si manifesteranno gli effetti del collasso di tutto il sistema socio/economico italiano  e mondiale - consiglio di trovare un'abitazione di emergenza fuori dai grandi centri abitati, possibilmente più in alto del livello del mare, vicino a una fonte d'acqua  e con un terreno coltivabile.

E' più probabile che si riesca a sopravvivere se più famiglie o gruppi di amici si uniscono per realizzare piccole comunità. Sarà solo un periodo di transizione ma potrebbe durare anche  molti mesi.

Chi possiede già una visione ciclica della storia sa che cosa sta accadendo e perchè, ma tutti gli altri saranno colti dalla follia e precipiteranno fatalmente nel mors tua vita mea.

Non verranno colpiti esclusivamente coloro che di norma vengono considerati ricchi dal popolino, ma tutti coloro che hanno ancora, in qualche misura, degli attaccamenti alla materia e necessitano di una scossa per operare un salto di coscienza.

L'Esistenza non è moralista, a lei non interessa se una nazione è già in difficoltà o naviga nell'oro, ma solo a che punto dello sviluppo si trovano le coscienze dei suoi abitanti: se non stanno facendo nulla per risvegliarsi spontaneamente, saranno risvegliate a forza.
L'Esistenza talvolta colpisce con un delicato buffetto sulla guancia, altre volte con una martellata sulla testa: se un popolo ha bisogno di uno shock per svegliarsi dal torpore della coscienza, questo shock gli verrà dato.

Milioni di persone incapaci di provare la sicurezza dentro se stessi per mezzo dell'apertura del Cuore, attraggono per risonanza situazioni di paura e caos sociale.

Questo è ciò che sta già accadendo, ma le condizioni di vita, in particolare nelle città, peggioreranno ancora. Gli omicidi di famiglia aumenteranno sempre di più e camminare per le strade diverrà estremamente pericoloso.
Ladri, spacciatori, e assassini a un certo punto costituiranno un problema irrisolvibile perchè saranno cosi tanti che non potranno più essere tenuti in carcere.
L'impunità sarà la norma a tutti i livelli del crimine. Il Terrorismo si farà sempre più presente nelle città occidentali.
Risulta più che mai ovvio che chi non sarà capace di sviluppare la sicurezza come stato di coscienza interiore, in queste condizioni diverrà folle per la paura.

La nostra incapacità d'amare, aprirci, affidarci all'Esistenza - comprendendo che nelle nostre vite può accadere solo ciò che è utile per l'evoluzione dell'anima _ ci costringerà a materializzare intorno a noi per risonanza una realtà terrorizzante.
Quando cominceranno a mancare i beni primari, le persone si faranno prendere dal terrore, si daranno al furto e si uccideranno l'uno con l'altro. Vivere in città non sarà salutare!

Milioni di persone incapaci di realizzare la libertà dentro se stessi per mezzo dell'apertura del Cuore, attraggono per risonanza situazioni di controllo sociale e sottomissione politica.

Chi rinuncia alla libertà per raggiungere la sicurezza, non ottiene nè la libertà, nè la sicurezza

Il trucchetto di creare ad arte una situazione di terrore nella popolazione al fine di indurre i cittadini stessi a chiedere maggiore sicurezza e quindi accettare limitazioni  sempre più drastiche della loro libertà, può funzionare solo se ognuno di noi continua a credere che la libertà e sicurezza dipendono dalle circostanze esteriori.

Fino a quando non capiremo che la libertà va realizzata dentro, attireremo condizioni di schiavitù...

tratto da :
Rifare l'Italia di Salvatore Brizzi




Nessun commento:

Posta un commento