Pagine

Loading...

lunedì 16 aprile 2012

COSA E CHI E' IL DIAVOLO O SATANA?



La parola "diavolo" deriva dalla parola latina diabolus che significa "il calunniatore" e dall'etimo greco "dia-bolein" che significa "lanciarsi attraverso per separare", cioè agire per dividere senza aver prima conosciuto e penetrato l'altro concetto; dal Sanscrito, dal Fenicio e dallEbraico antico, abbiamo l'altra parola "shatan" che significa: "l'avversario od il nemico".

Da sempre quest'ultima parola "shatan", è stata dai "religiosi" unicamente unita al concetto che essa fosse il nome dell'entità o dell' essere che impersona il "male" in assoluto.

Dal Fenicio antico, vediamo come questa parola derivi dalla radice STN: Schin+Tet+Nun, analizziamola:

La Schin ha la funzione del trasferire da una idea ad un'altra, il passare da una unità ad un lato degli "opposti" di questa unità;
Le due lettere Schin e Tet indicano ciò che tende all'oscurità, alla profondità, al non vedere, il non capire, andare verso l'involuzione, alla non conoscenza, chiudendosi su sé stessi per non farsi penetrare dalla Conoscenza, per nascondersi dalla verità; dividere ciò che è unito e farselo apparire come "diviso"; allontanarsi dalla propria essenza unitaria.

Le lettere Tet e Nun indicano che l'Uomo viene trasformato in ciò che genera idee di opposizione, di divisione, in ciò che si contrappone, che genera resistenza alla verità e la rigetta, in un essere debole ed impotente che si lascia andare, che si abbandona, si nasconde alla verità per non vedere, per non capire, (ecco la definizione dei mezzi uomini)

Come abbiamo visto il termine "satan" o "diavolo", sono condizioni esistenziali, modi di pensare, di vedere, di vivere UN SOLO LATO dell' INTERO; vivere dividendo ciò che in realtà è unito;
Essere posseduti dal demonio è avere schemi mentali che impediscono di vedere e di comprendere che bisogna tendere ad unire gli apparenti contrari per ricercare la Verità, in quanto il soggetto allontana da Sé Stesso la vera Conoscenza;

Non si pu raggiungere Dio se non attraverso la Coscienza. Dio è una condizione esistenziale, un modo di Essere, il vivere l'Unità nella dualità ; se noi vediamo Dio negli altri ed in noi stessi, vivremo questa Divinità.

Così ugualmente, non si può "raggiungere Satana" se non attraverso la Coscienza.
Il "diavolo" è una condizione esistenziale, un modo di essere (colui che non sa e che non vuol sapere, probabilmente perché "pensa" di avere già tutta la Conoscenza); se noi NON vediamo la Divinità in noi e negli altri e NON tendiamo a viverla in noi e negli altri, allora siamo noi stessi "satana".

Dio è l'Infinito che si manifesta nell'inFinito Universo che si materializza informandosi sempre di più; quindi è l'evoluzione verso e nella CONOSCENZA;
Satana è il NON voler andare verso la Conoscenza, fermarsi al non conoscere per paura o per presunzione.

L'identificazione e la correlazione del buio, delle tenebre = male, è nota a tutti;
l'Uomo tende facilmente a collegare per non conoscenza, il male, a ciò che non conosce o del quale "sente" emotivamente disagio; l'ignoto, il buio, l'avvenimento "diverso", e le cose che vengono viste o vissute come un demone da combattere, produrranno sempre paure ed aggressività;
Infatti l'uomo molte volte le demonizza e le scarica per esempio sul suo simile o sull'indemoniato, il posseduto, credendo che la cosa "strana", diversa, sia da distruggere, non da comprendere o darne spiegazione con la ragione e l'intuito.

Se invece il male ed il bene vengono visti o vissuti come momento di Conoscenza, da penetrare per capire, ascoltare le sensazioni emotive che essi esercitano sullEgo/IO, che vanno comunque analizzate dalla ragione e dalla logica, allora ecco che improvvisamente il demone si trasforma in "Angelo di Luce", in Informazione, in Conoscenza ed in Gioia.

La paura è sempre figlia dell'ignoranza, la NON conoscenza, infatti è diabolica, di fatto il male è l'ignoranza, la NON conoscenza. Quindi il diavolo o satana è essere nella condizione di non Conoscere.

E di tutta evidenza colui che dice al suo prossimo: "Sei posseduto da satana o dal diavolo", non ha compreso questi concetti, egli è uno che è esso stesso diviso, non unito e divide gli altri da Sé.

Possiamo definire la parola "diavolo" anche così: "Quel "qualche cosa" o quella "idea" che ha percezione di parte di Sé e che di fatto è diviso non armonizzato, non in risonanza, non in partecipazione con gli altri Punti o Enti di Sé.





Nessun commento:

Posta un commento